Seguici:

Avviso di allerta meteo per previste condizioni meteorologiche avverse dal 5 febbraio 2017

Si avvisa la cittadinanza che la Sala Operativa della Regione Campania – Direzione Generale per la Protezione Civile, con Avviso di Allerta meteo del 5 febbraio 2017, segnala un peggioramento delle condizioni meteorologiche con precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, localmente di moderata o forte intensità, con venti moderati con locali forti rinforzi e con possibili raffiche nei temporali, a partire dalle ore 18:00 di oggi domenica 5 febbraio 2017 e per le successive 24 ore.

Di seguito l’avviso di allerta meteo:

La Direzione Generale per i Lavori Pubblici e la Protezione Civile della REGIONE CAMPANIA,

Visto e tenuto conto:– del Bollettino Meteorologico Nazionale emesso dal Dipartimento della Protezione Civile;
-Il Bollettino Meteorologico Regionale (Prot.2017.0079087del 05.02.2017);
-l’Avviso Regionale di Avverse Condizioni Meteo e l’Avviso di Criticità Idrogeologica ed Idraulica (Prot.2017.0079088 del 05.02.2017), emessi oggi domenica 05 febbraio 2017, dal Centro Funzionale Multi rischi – Area Meteorologica, con livello di criticità MODERATA(Codice Colore ARANCIONE) per le zone di allerta 1,2,3,5,6,8 e ORDINARIA (Codice Colore GIALLO) per le zone di allerta 4,7 con decorrenza dalle ore 18:00 di domenica 5 febbraio 2017 e per le successive 24 ore

AVVISA I SINDACI DELLA REGIONE CAMPANIA
che dalle ore 18:00 di oggi Domenica 05 febbraio 2017 e per le successive 24 ore, sono previsti i seguenti fenomeni meteorologici avversi:

Zona di Allerta:1,2,3,5,6,8
– Precipitazioni: Precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, localmente di moderata o forte intensità.
– Venti: Moderati sud-occidentali con locali forti rinforzi e con possibili raffiche nei temporali.
– Mare: Prevalentemente agitato.


Zona di Allerta:2,4,7
– Precipitazioni: Precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, localmente di moderata o forte intensità.-Venti: Moderati sud-occidentali con locali forti rinforzi e con possibili raffiche nei temporali.

Inoltre,visto l’Avviso Regionale di Criticità Idrogeologica ed Idraulica emesso dal centro funzionale Multirischi-Area Metereologica, si avvisa che, dalle ore 18:00 di oggi Domenica 05 febbraio 2017 e per le successive 24 oresarà attivata presso la S.O.R.U., per la tipologia di Rischio Idrogeologico localizzato ed Idraulico localizzato la “FASE OPERATIVA DI ATTENZIONE” per le seguenti tipologie di evento:

Zone di Allerta: 1,2,3,5,6,8
– IDROGEO:instabilità di versante,localmente anche profonda,frane superficiali e colate rapide di detriti o di fango; significativi ruscellamenti superficiali, anche con trasporto di materiale, possibili voragini per fenomeni di erosione; Innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua minori,con fenomeni di inondazione delle aree limitrofe, anche per effetto di criticità locali (tombature,restringimenti,occlusioni delle luci dei ponti,ecc)
Possibili cadute massi in più punti del territorio.

Zone di Allerta: 4,7
IDROGEO: Possibili fenomeni di erosione, frane superficiali, colate rapide detritiche o di fango; Possibili cadute massi; Occasionali fenomeni franosi
legati a condizioni idrogeologiche particolarmente fragili;Innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua minori, con inondazioni delle aree
limitrofe, anche per effetto di criticità locali (tombature,restringimenti,occlusioni delle luci dei ponti,ecc); Fenomeni di rigurgito dei sistemi di
smaltimento delle acque meteoriche con tracimazione e scorrimento superficiale nelle sedi stradali.
IDRAULICO: Fenomeni localizzati di incremento dei livelli dei corsi d’acqua maggiori, generalmente contenuti all’interno dell’alveo.


Specifica delle “Zone d’Interesse” all’allerta:

Zona 1: Piana Campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana;
Zona 2: Alto Volturno e Matese;
Zona 3: Penisola Sorrentino-Amalfitana, Monti di Sarno e Monti Picentini;
Zona 4: Alta Irpinia e Sannio;
Zona 5: Tusciano e Alto Sele;
Zona 6: Piana Sele e Alto Cilento;
Zona 7: Tanagro;
Zona 8: Basso Cilento.


 

 

Torna all'inizio dei contenuti